Cari lettori,

nell’articolo di oggi vi parlerò dell’Amor proprio…

Ho ascoltato e visto il video poche settimane fa della nuova canzone di Irene Grandi : “Devi Volerti Bene” che mi ha totalmente travolta nel messaggio che ha voluto trasmettere.

Vi siete mai fatti voi un’autoanalisi su quanto apprezzate, stimate, accettate voi stessi?

Sono più le volte che mettete voi, i vostri sogni, passioni, talenti prima di tutto o le volte in cui soccombete per gli altri o vi vergognate di aver detto o fatto per timore degli altri?!?

Volersi bene, valorizzarsi, in altre parole coltivare l’amor proprio è simile a esercitare un sano egoismo, a partire dal quale vederci come delle priorità e trattarci bene. Da ciò deriva il riconoscimento di chi siamo e l’accettazione delle nostre virtù e dei nostri difetti.

È essenziale recepire questo e difficilissimo metterlo in atto ma quando impariamo a nutrirci come se fossimo i nostri stessi figli POTREMO DARE AMORE AGLI ALTRI (imparatelo come se fosse un mantra!)

Il Grande Maestro Buddha afferma:

“Puoi cercare in tutto l’universo qualcuno che sia meritevole del tuo amore e del tuo affetto più di te stesso e non lo troverai in alcun luogo. Tu stesso, come chiunque altro nell’intero universo, meriti il tuo amore e il tuo affetto.”

La radice di tutto su cui lavorare è la propria autostima, ovvero ciò che l’ambiente esterno cerca di smontarci incessantemente: non permettetelo perché il male si ritorcerà comunque su di voi in quanto una bassa autostima implica una serie di problematiche aggiuntive sia interpersonali che lavorative.

Ecco un serie di indicatori che indicano una scarsa autostima:

  • Cercare approvazione altrui;
  • Controllare o manipolare gli altri;
  • Essere sfruttati da partner, amici, colleghi;
  • Creare relazioni di dipendenza;
  • Provare sentimenti di odio, rabbia e disprezzo.

Grazie al cielo però con un duro lavoro su sé stessi, una grande forza di volontà e tanta pazienza si può capovolgere la clessidra, mettendo in atto una serie di accorgimenti come:

  • Circondarsi di parole positive ovvero NON GIUDICARCI, non dobbiamo sempre colpevolizzarci come giudici severi ma dobbiamo rallegrarci anche dei nostri difetti, è molto importante il modo con cui ci rapportiamo con noi stessi;
  • Prenderci cura del nostro corpo ma soprattutto della nostra anima…non esiste solo l’involucro fisico ma abbiamo anche una bella parte spirituale da coltivare;
  • Non punirci per gli errori commessi, ma IMPARARE da essi…imparare la lezione e non ripeterla…c’è dietro un messaggio costruttivo tutto da metabolizzare;
  • Nutrirsi di persone, situazioni e luoghi che ci facciano stare bene, ci alimentino, ci diano gioia ed energia, eliminando le situazioni opposte senza pensarci due volte.

Bene, per oggi è tutto.

Spero che questo articolo abbia risuonato su qualcuno di voi.

Ringrazio Irene Grandi per il testo e i miei infiniti articoli di crescita personale che mi arricchiscono nel quotidiano.

Written with love 😊

Pam

Leave a comment

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy.